Mar24102017

Ultimo aggiornamentoLun, 23 Ott 2017 2pm

Borraccino (Sinistra Italian) scrive a Emiliano e assessore Nunziante per i problemi dei dipendenti Regione Puglia

Troppe cose che non vanno per il verso giusto. Lo hanno detto chiaramente i sindacati nell'audizione alla seconda commissione consiliare della Regione Puglia (Affari generali e Personale): “è sicuramente non più sostenibile la condizione dei dipendenti della Regione Puglia”. Davanti alla Commissione presieduta da Cosimo Borraccino (Sinistra Italiana) i sindacati hanno evidenziato una drammatica paralisi delle politiche per il personale e per il funzionamento della macchina amministrativa. 

Molto spesso, le decisioni non si prendono, in quanto – a parere delle organizzazioni sindacali - la macchina gestionale si blocca in qualche passaggio a causa della farraginosità del modello adottato (MAIA), che impedisce una pur minima autonomia, pure per problematiche di piccole dimensioni.
Poi ci sono i problemi che riguardano la questione del salario, dell’assenza a tutt’oggi della costituzione della Delegazione trattante, nonché la questione dei precari stabilizzandi, che in base alla legge 47/2014 attendono risposte. Un'altra partita da chiudere entro l'anno è quella dei vincitori del concorso Ripam, non più procrastinabile.
In Commissione consiliare è stata ribadita dai sindacati la più netta contrarietà a qualsiasi ipotesi di scaricare sugli incolpevoli dipendenti, i costi di scelte sbagliate e non riconducibili agli stessi e il presidente Borraccino si è dichiarato anche su questo assolutamente e pienamente d’accordo.
Durante la riunione è stata ribadita l’urgenza di una seria e programmata azione di valorizzazione delle competenze dei dipendenti (si pensi alle questioni legate alle progressioni, ai lavoratori precari, ecc.).
Per Borraccino è urgente che si dia una svolta seria sulle politiche del personale e dello stesso funzionamento degli uffici della Regione.
“Tardare nella risoluzione dei problemi evidenziati – dice Borraccino - non è più accettabile, pena la drammatica e ulteriore crisi dei rapporti tra Istituzioni e cittadini.” Borraccino solleciterà in tal senso, pertanto, il presidente della Giunta, Michele Emiliano, e l’assessore al personale, Antonio Nunziante, al fine di ottenere azioni concrete tese alla risoluzione dei tanti problemi”.