Gio04062020

Ultimo aggiornamentoVen, 29 Mag 2020 2pm

Come i militari della Capitaneria di porto scoraggeranno tutti i comportamenti in violazione delle più elementari norme di sicurezza in mare.

Anche quest’anno la Capitaneria di porto di Brindisi, mediante il coordinamento del comandante capitano di vascello (cp) Salvatore Minervino, attuerà l’operazione “Mare sicuro”, in linea con le direttive impartite dal proprio superiore comando generale.

L’intera attività vedrà il coinvolgimento di tutto il personale militare, ordinariamente occupato in altri incarichi, al fine di assicurare l’ordinata e tranquilla fruizione delle attività di balneazione e diportistica lungo le coste del compartimento marittimo di giurisdizione.

In tale contesto, già da adesso e sino al 18 settembre, saranno anche rafforzate le ordinarie operazioni di vigilanza e soccorso in mare, da parte delle dipendenti unità navali che saranno presenti su soprattutto in prossimità delle spiagge più frequentate dai bagnanti.

I battelli saranno dislocati nel porto di brindisi con a bordo personale tipicamente addestrato al salvamento ed avranno il compito di scoraggiare tutti quei comportamenti in violazione delle più elementari norme di sicurezza in mare.

A tal riguardo, si riportano alcuni utili suggerimenti di carattere generale:

• prestare attenzione durante la navigazione ai galleggianti di segnalazione;
• controllare periodicamente l’efficienza del motore del proprio natante / imbarcazione;
• informarsi circa eventuali ostacoli alla navigazione e le condimeteo previste consultando le ordinanze locali;
• controllare le attrezzature di sicurezza e le dotazioni di bordo;
• informare i familiari della propria destinazione, in caso di navigazione che si protrae per un lungo lasso di tempo.

Altri consigli utili sono comunque riportati sul sito internet www.guardiacostiera.it, dove sono altresì consultabili l’ordinanza di sicurezza balneare e le ordinanze attinenti il diporto nautico. si rammenta infine che in caso di emergenza in mare, l’intervento della guardia costiera può essere richiesto oltre che con i tradizionali canali di comunicazione, anche tramite il numero blu 1530 di uso gratuito.