Lun20052019

Ultimo aggiornamentoMar, 30 Apr 2019 9pm

Banca Popolare Bari acquisisce Banca Tercas

Banca Popolare di Bari diventa sempre più grande e forte. L'istituto di credito di Bari continua, infatti, ad acquisizioni altre banche. Ora accade con Banca Tercas. L'assemblea dei soci di Banca Tercas, convocata a Teramo dal commissario straordinario Riccardo Sora, ha approvato le modalità di copertura del deficit patrimoniale di Banca Tercas, accertato al 31 marzo 2014, e l'operazione di aumento di capitale riservata a Banca Popolare di Bari, necessaria per ripristinare mezzi patrimoniali adeguati e propedeutica al ritorno in bonis di Banca Tercas. Il deficit patrimoniale, pari a 602 milioni, sarà coperto mediante utilizzo del capitale e delle riserve di Tercas e l'intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, per l'importo di 265 milioni. 

L'aumento di capitale, pari a 230 milioni, sarà interamente sottoscritto da Banca Popolare di Bari, entro questa settimana. Con la delibera dell'Assemblea di Tercas viene a concretizzarsi l'operazione di salvataggio di Banca Tercas mediante l'acquisizione del controllo da parte di Banca Popolare di Bari, con il concorso del sistema bancario italiano, attraverso il già citato apporto - con modalità innovative - del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. 
«Grazie alle modalità di intervento e alla partecipazione congiunta del Fondo di Tutela e di Banca Popolare di Bari è stato possibile tutelare al massimo grado i diritti di tutti i depositanti di Banca Tercas e della controllata Banca Caripe», commentano da Bari. 
L'inclusione del Gruppo Tercas nel perimetro di Banca Popolare di Bari con la rimessa in bonis del gruppo abruzzese, con anche Banca Caripe, avverra' subito dopo l'estate, in considerazione dei vari adempimenti tecnici ed amministrativi. 

In virtu' di questa ulteriore operazione di crescita per via esterna, Banca Popolare di Bari pone le basi per un significativo salto dimensionale, collocandosi tra i maggiori gruppi nazionali e consolidando il proprio posizionamento di prima realtà bancaria autonoma dell'Italia centro-meridionale. 
La dimensione del Gruppo, con l'ingresso di Tercas, si attesta a 400 sportelli, 3.200 dipendenti, attività totali per 15 miliardi di euro, 550.000 clienti, il tutto con un'articolazione di 4 realtà bancarie: Banca Popolare di Bari, Banca Tercas, Cassa di Risparmio di Orvieto (controllata da BPB) e Banca Caripe.  

Nel 1960, quando fu aperto il primo sportello della Banca per iniziativa di Luigi Jacobini e di altri 76 soci, probabilmente nessuno avrebbe pensato che nel giro di pochi decenni sarebbe nata una realtà forte, dinamica e ben radicata nel territorio. A distanza di cinquant'anni, Banca Popolare di Bari può vantare di essere il polo creditizio di riferimento nel Mezzogiorno; una Banca che, grazie a continue acquisizioni e a scelte strategiche mirate, si è progressivamente consolidata e si è fatta strada innumerose regioni italiane.