Dom18082019

Ultimo aggiornamentoGio, 01 Ago 2019 4pm

Trekking sull'Alta Murgia, una crescita innovativa del turismo

"La crescita del territorio attraverso una visione innovativa del  turismo nelle aree naturalistiche pugliesi è il tema centrale della  nuova collaborazione tra Trekking Italia Puglia e il Parco Nazionale   dell’Alta Murgia. Parte, dunque, una nuova “alleanza” che porterà in brevissimo tempo  alla realizzazione del calendario di “trek residenziali e itineranti  nell’Alta Murgia”, durante tutte le stagioni dell’anno. Dei veri e  propri “viaggi a piedi” che grazie alla rete di Trekking Italia   saranno divulgati a livello nazionale, al fine di stimolare gli  appassionati del cammino a scoprire la Puglia 365 giorni all’anno.”

E' quanto scrive in una nota il consigliere regionale Ruggero Mennea (PD).

“ Il  progetto, inoltre, contribuisce a rafforzare le azioni del Parco per  la Carta europea del turismo sostenibile, dando finalmente una  risposta concreta alle crescente domanda di turismo attivo e  sostenibile che interessa la nostra regione ed in particolare le aree  di pregio naturalistico.  L’immediata disponibilità del presidente del Parco, Cesare Veronico, e  il grande impegno del coordinatore pugliese di Trekking Italia,  Antonio Nardiello, hanno consentito la realizzazione dell’accordo a  tempo di record. Tuttavia, questo preziosissimo risultato, che avrà  ricadute importanti sul turismo e la crescita delle aree rurali, è  stato raggiunto grazie al coinvolgimento di vari soggetti  istituzionali, tra cui il consigliere regionale Ruggiero Mennea ed il  consigliere della Provincia Bat, Giuseppe Antonucci. “Si tratta di  un’alleanza strategica, che intende valorizzare una delle nostre  risorse naturali strategiche, il parco dell’Alta Murgia, in chiave  turistica”, spiega Mennea. “L’Alta Murgia, a lungo bistrattata, è  ancora poco 'sfruttata' rispetto ad altre realtà ormai di grande  attrattiva turistica della nostra regione. Eppure può essere l’habitat  ideale per chi ama la natura e ama scoprirla camminando. Per questo è importante - sottolinea – promuovere questa forma di turismo,  nell’ottica di una politica da tempo sostenuta e portata avanti dalla  Regione in questo settore.  Lo stesso risultato potremmo raggiungerlo  - conclude - non appena sarà attivato il parco regionale dell'Ofanto, per il quale il mio impegno è al massimo".