Stampa
ostuni consiglio comunale mafia

La decisione del Viminale dopo appalto assegnato a parente di consigliere comunale

Il Consiglio dei ministri ha sciolto il Consiglio comunale di Ostuni. La decisione è motivata per accertati condizionamenti compiuti dalla criminalità organizzata. Il provvedimento era stato proposto dal Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. Il Comune di Ostuni, in provincia di Brindisi, sarà gestito - fa sapere il Consiglio dei Ministri - da una Commissione straordinaria per la durata di 18 mesi", cioè sino alle prossime elezioni comunali.

Alla guida dell'amministrazione comunale c'era il sindaco Guglielmo Cavallo in carica dal giugno 2019 a capo di una coalizione di centrodestra. 

La commissione ispettiva che ha lavorato in questi mesi per accertare i fatti accaduti nel Comune di Ostuni fu nominata dal prefetto di Brindisi Carolina Bellantoni nel febbraio scorso. In particolare il lavoro di accertamento ha rilevato irregolarità su un appalto per l'affidamento dei parcheggi comunali di zona Santa Lucia, sul litorale di Ostuni, a una società con sede a Campi Salentina (Lecce), la Pkt Srl, raggiunta nel dicembre 2020 da una interdittiva antimafia della prefettura di Lecce.