Ven03122021

Ultimo aggiornamentoGio, 02 Dic 2021 5pm

Processo abusivismo edilizio. Marmo: ci sono responsabilità di Emiliano?

Ancora attacchi dal Vicepresidente del Consiglio regionale, Nino Marmo, al candidato alle primarie del centrosinistra Michele Emiliano. Marmo solleva dubbi ed evidenzia necessità di acceramenti sul ruolo che l'ex sindaco di Bari avrebbe potuto avere sulla vicenda giudiziaria relativa all'abusivismo nel capoluogo pugliese.

“Sul processo per abusivismo edilizio, che vede coinvolti i fratelli Degennaro per gli appartamenti di via Pappacena, ritengo – dichiara infatti il Vicepresidente del Consiglio regionale, Nino Marmo che la comunità barese e tutti i pugliesi abbiano il diritto di conoscere fino in fondo la verità. Non per la voglia di frugare nelle disavventure di comuni cittadini, ma perché in questa vicenda ci sono nomi importanti dell’imprenditoria, connessi a nomi importanti della politica. Per questo, pur restando garantista come sempre e fiducioso nell’operato della magistratura, credo che la Procura di Bari così come non possa automaticamente tenere Emiliano dentro questa questione, così non possa tenerlo automaticamente, e immotivatamente, fuori. La posizione dell’ex sindaco Michele Emiliano – prosegue Marmo- dovrebbe essere approfondita e chiarita al più presto visti non solo i fatti, ma anche il suo legame politico con le persone imputate, tanto da aver nominato, all’epoca, la figlia di uno di quegli imprenditori assessore al Comune di Bari. Non abbiamo bisogno di riprendere la nota di colore delle ‘cozze’, che ha timbrato a vita l’ex sindaco di Bari, per buttarla in caciara, perché si tratta di restituire alle istituzioni locali la giusta dignità con un accertamento di fatti e responsabilità che non lasci spazi a dubbi ed ombre, nell’interesse dei cittadini e nel rispetto del principio di uguaglianza di tutti davanti alla legge. Altrimenti – conclude Marmo - dovremmo pensare che, di fronte alla legge, qualcuno è più uguale degli altri”.