Lun25052020

Ultimo aggiornamentoDom, 24 Mag 2020 7am

«Santità, le chiedo una speciale benedizione per l’amata gente di Puglia». Sono le parole con cui il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna ha accompagnato la consegna a Papa Francesco del pane e dell’olio offerti nel nome della pace e della carità dalle Regioni Puglia e Basilicata per le mense dei poveri. Nell’udienza generale in piazza San Pietro, cinquecento chili di pane e cinque quintali di olio extravergine sono stati simbolicamente trasferiti nelle mani del pontefice. «Oggi, il pane e l’olio del nostro bellissimo Mezzogiorno simboleggiano il rilancio delle nostre regioni operose. Sono il bene che deve battere il male si legano alla pace, alla giustizia e alla legalità. Pace contro ogni forma di conflitto, giustizia contro ogni forma di violenza, legalità contro ogni forma di prevaricazione», ha dichiarato il presidente Introna. «La Puglia, terra dell’accoglienza e della solidarietà, vuole operare perchè il rispetto e il primato della legge possano allargarsi a macchia d’olio, contagiando positivamente l’intero Meridione». A nome di tutti i pugliesi, Introna ha donato a papa Bergoglio un’icona russa del 1800, riproducente il volto e la mano destra benedicente di San Nicola, protetti da una riza in metallo argentato. «Affidiamo alla tutela del santo patrono il nostro mare Mediterraneo, che vogliamo luogo di incontro e concordia tra i popoli», ha detto il presidente, che nel pomeriggio ha partecipato al convegno «Pane e olio extravergine della pace e della legalità», organizzato dall’Osservatorio Diplomatico Internazionale ODI-VG in Vaticano, nella Sala Conferenze CIAM.