Lun30012023

Ultimo aggiornamentoMar, 24 Gen 2023 1pm

Il programma completo della visita del Papa a San Giovanni Rotondo e a Pietrelcina per San Pio

Papa Francesco andrà a pregare sulla tomba di San Pio. La data è stata decisa. Papa Bergoglio sarà in Puglia il 17 marzo 2018, in occasione del Centenario dell'apparizione delle stimmate di San Pio da Pietrelcina. Si recherà in visita pastorale a Pietrelcina, nella diocesi di Benevento e a San Giovanni Rotondo, dove c'è la tomba di Padre Pio, nella diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, nel 50esimo anniversario della morte di frate santo della Puglia. L'annuncio è stato dato dal direttore della sala stampa vaticana Greg Burke che ha reso noti i particolari del programma della visita del Papa.

Il viaggio sarà effettuato in elicottero. Il pontefice partirà alle ore 7 dall'eliporto del Vaticano per arrivare a Pietrelcina alle 8. Ad accoglierlo ci saranno, tra gli altri, l'arcivescovo di Benevento, mons. Felice Accrocca, e il sindaco di Pietrelcina, Domenico Masone. L'incontro con i fedeli sarà fatto sul piazzale della chiesa e il Papa sosterà in preghiera nella Cappella delle Stimmate. A Pietrelcina Papa Francesco dovrebbe restare solo un'ora perchè alle 9 è stato previsto il decollo dell'elicottero che lo porterà a San Giovanni Rotorno, nel Foggiano, dopo mezz'ora. Ad accoglierlo ci saranno, tra gli altri, mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e il sindaco della cittadina foggiana. Costanzo Cascavilla. Il ritorno del pontefice in Vaticano è previsto alle ore 13.45. Nel frattempo a San Giovanni Rotondo il Papa andrà in visita nel reparto di pediatria oncologica dell'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza che è stato fondato da San Pio, celebrerà la Santa Messa alle ore 11 e incontrerà Comunità religiosa dei Cappuccini.

La notizia dell’arrivo del Pontefice è stata data anche da mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e presidente di Casa Sollievo della Sofferenza. Lo ha fatto in occasione del tradizionale scambio di auguri con i dipendenti dell’ospedale voluto da San Pio. Con l'arcivescovo c'era anche fra Maurizio Placentino, referente provinciale dei Cappuccini. "Quello che ci deve impegnare adesso - ha spiegato,   fra Maurizio - è far sì che il Papa trovi una grande famiglia, un’unica famiglia, la famiglia di Padre Pio. Il nostro impegno sarà quello di accogliere il Santo Padre come lo avrebbe accolto Padre Pio, come figlio obbediente e devoto. Accogliamo il Santo Padre come portatore di Cristo, come colui che ci porta il messaggio di pace e di speranza che il Natale ci ricorda".

L'arcivescovo Castoro ha evidenziato come questa visita pastorale nasce da unesigenza comune, quella della comunità pugliese di accogliere il Papa e quella del pontefice di pregare nei luoghi di San Pio.  "Al termine dell’udienza giubilare in Piazza San Pietro del 6 febbraio del 2016 - ha ricordato l'arcivescovo - Papa Francesco si rivolse così ai fedeli di San Giovanni Rotondo che acclamavano il suo arrivo sul Gargano: «Chiunque venga nella vostra bella terra, e io ho voglia di andarci, possa trovare anche in voi un riflesso della luce del cielo". Il Papa ha voglia di incontrarci e noi sentiamo il bisogno di accoglierlo.

La notizie è arrivata da poco e l'arcivescovo Castoro non ha ancora avuto il tempo di ringraziare Papa Francesco. "lo farò presto - assicura l'arcivescovo. Gli scriverò per ringraziarlo e fargli gli auguri di Natale, e porterò il saluto e la gioia di tutta Casa Sollievo, dei Frati Minori Cappuccini, della Città di San Giovanni Rotondo, ma soprattutto gli dirò che ci prepareremo spiritualmente nel modo migliore alla sua venuta". (R.T.)