Dom31052020

Ultimo aggiornamentoVen, 29 Mag 2020 2pm

Sanità. Pellegrino:"Prorogati gli incarichi a tempo determinato nelle Asl della Regione Puglia"

“Sono ampiamente soddisfatto perché viene sancita la parità di trattamento e colmato un vulnus interpretativo”. Lo dichiara il presidente de La Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino commentando la decisione del Dipartimento della Salute di prorogare gli incarichi a tempo determinato nelle Asl della Regione Puglia. La decisione arriva all’indomani di una specifica interrogazione urgente presentata dal consigliere Pellegrino sulla mancata proroga dei contratti a tempo determinato del personale che, pur in possesso dei requisiti specifici previsti dalla legge 125 del 2013 e dal dpcm del 6 marzo 2015 (Disciplina delle procedure concorsuali riservate per il personale precario del comparto sanità) è rimasto escluso perché risultato dipendente a tempo indeterminato, ma in aspettativa, presso altre Asl fuori regione.
“C’era in ballo un’evidente disparità di trattamento – dice Pellegrino – che avrebbe penalizzato soprattutto i tanti giovani pugliesi costretti ad emigrare al Nord per potere lavorare. Ora questa circolare regionale sancisce un principio: la proroga ci sarà fino all’espletamento delle procedure concorsuali e comunque non oltre il 31 dicembre 2018, senza pregiudizi nei confronti del personale che, pur avendo un rapporto di lavoro a tempo indeterminato in altre regioni, allo stato risulta in servizio a tempo determinato in Puglia”.
“La mia soddisfazione – conclude Pellegrino – è però doppia visto che senza questa proroga molti contratti sarebbero terminati, a scadenza naturale, il prossimo 31 dicembre”.