Sab02072022

Ultimo aggiornamentoMer, 22 Giu 2022 10am

Centrodestra chiede nomina direttori generali Asl pugliesi prima delle elezioni

Il Vicepresidente del Consiglio regionale Nino Marmo attacca l'ex sindaco di Bari Michele Emiliano sulla sanità pugliese. "Non che nutrissimo dubbi a riguardo, ma il centrosinistra - dichiara Marmo - non abbandona quel ‘vizietto’ di mettere le mani sulla sanità per scaldare i motori elettorali. Ora, ad Emiliano farebbe molto comodo poter promettere a qualche affamato sostenitore la nomina a direttore generale di Asl, ma è bene che sappia che, qualora Vendola optasse per i commissari, il centrodestra si farebbe sentire. La nomina dei direttori generali deve avvenire subito. È inaccettabile, oltreché vergognoso pensare, ancora una volta, di subordinare la salute dei cittadini alle esigenze elettorali del Pd e di Sel. Già sul piano di riordino, tra reciproche sconfessioni e ipotesi di rinvio, siamo costretti ad assistere a uno stucchevole balletto messo in atto dall’assessore Pentassuglia e dal segretario regionale del suo partito. Adesso ci tocca anche la questione delle nomine dei direttori generali, francamente sembra che non ci sia limite all’impudenza. Tali figure sono troppo importanti perché oggi abbiamo bisogno di uomini seri, credibili e competenti che sappiano immaginare quella rivoluzione che è necessaria all’interno del servizio sanitario regionale. Se ciò vuol dire sottrarre ad Emiliano delle caselle vuote con cui stimolare l’appetito dei suoi sostenitori, se ne dovrà fare una ragione. Vendola deve effettuare le nomine, perché occorre un cambiamento immediato che certamente, per una questione netta di competenze, non potrebbe essere realizzato dai commissari. La sanità non ha bisogno di un nuovo ‘Attila’: deve essere sempre nella normalità e lontana dalla politica”.
“Su questo vigileremo con attenzione e al povero Emiliano suggeriamo di cercare voti altrove, tanto sta promettendo vergognosamente tutto a tutti, raccattando utili idioti a destra e a manca. Sulla sanità – conclude Marmo -  i pugliesi hanno già dato".