Dom03032024

Ultimo aggiornamentoVen, 16 Feb 2024 9am

A consegnare gli attestati previsti dal Ministero è la direttrice suor Mary Thomas Elenjika di nazionalità indiana. Come iscriversi all'anno scolastico 2024-2025

Capire l’informatica è un gioco da bambini. A Brindisi, nella scuola Sant’Antonio da Padova, gli alunni della primaria sono istruiti anche a capire i principi alla base del funzionamento della tecnologica informatica e dei suoi sistemi di programmazione. Proprio in questi giorni la direttrice di questa importante scuola cattolica parificata, suor Mary Thomas Elenjikal, di nazionalità indiana, sta provvedendo a consegnare agli studenti gli attestati di partecipazione a questo progetto denominato “L’ora del Codice”. Le pergamene consegnate non sono “pezzi di carta” a scopo decorativo ma veri attestati che oltre al nome dello studente hanno la firma del docente, della direttrice della scuola e del rappresentante del Ministero dell’Istruzione e del Merito.

“Il coding a scuola – spiega il docente di questo progetto per l’informatica - permette ai ragazzi di imparare in modo semplice i linguaggi della programmazione. Nell’aula di informatica i nostri alunni, sin dal primo anno della primaria, utilizzano i computer e si esercitano con applicazioni interattive a blocchi che sono simili a giochi. Seguendo delle regole e ricevendo delle istruzioni a loro sembrerà di giocare ma noi sappiamo che, con questo strumento didattico, stiamo stimolando la loro creatività e grazie allo sviluppo del pensiero computazionale, cioè l’insieme dei processi mentali finalizzati alla soluzione dei problemi, acquisiscono la capacità di superare ostacoli sempre più difficili”.

E’ al rione Casale di Brindisi, in via A. Locatelli 8, che c’è questa scuola primaria così all’avanguardia da fare guardare con fiducia al futuro delle nuove generazioni. Accessibile al sito www.comprensivoantonianebrindisi.edu.it questa scuola, gestita dalle suore oblate di Sant’Antonio di Padova , sta dimostrando qualità sempre più elevate. Nonostante risulti parificata alla scuola pubblica sin dal 1953 le iscrizioni al prossimo anno scolastico qui sono effettuate soltanto presentandosi di persona in segreteria: ”vogliamo privilegiare sempre la conoscenza della persona – spiegano le suore antoniane - per costruire con le famiglie il rapporto di crescita valoriale dei loro figli”. Stessa procedura cartacea è prevista anche per le iscrizioni alla scuola dell’infanzia di cui è dotata la medesima struttura religiosa.