Sab28012023

Ultimo aggiornamentoMar, 24 Gen 2023 1pm

Incidente a Mesagne causato da dispersione di elettricità da una doccia in casa di coniugi avvocati

Faceva la doccia nel suo appartamento un avvocatessa incinta quando è rimasta folgorata da una dispersione di elettricità. E’ accaduto a Mesagne, in provincia di Brindisi. La donna è ora ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Antonio Perrino” di Brindisi e le sue condizioni vengono giudicate gravi. Salvo è invece il neonato che aveva in grembo. Merito soprattutto dei medici del reparto di ostetricia e ginecologia di quello stesso ospedale che sono riusciti, in meno di un minuto, a fare un taglio cesareo garantendo così la nascita prematura: il neonato pesa 2.750 grammi e sta bene. Sua madre, 42 anni, risultava incinta alla 34esima settimana.

Al momento dell’incidente domestico in casa c’era anche il marito della donna, pure lui avvocato, ed è stato proprio egli ad allertare i soccorsi. Il servizio 118 ha attivato un’ambulanza con medico a bordo che ha trasferito la donna in sicurezza da Mesagne all’ospedale del capoluogo. I medici del Pronto soccorso hanno classificato con codice rosso le condizioni di salute della donna. Al momento non è possibile sapere cosa possa aver causato la scossa elettrica. Forse un cavo elettrico non integro potrebbe aver causato la dispersione di energia elettrica?

In casa è arrivata anche una pattuglia del commissariato di polizia di Mesagne per gli accertamenti del caso ma non risulta, al momento, aperta un’inchiesta giudiziaria considerato la dinamica degli accadimenti.

La cosa essenziale, oltre ovviamente all'indispensabile salvataggio della donna, è che il neonato risulta stare bene ed in ospedale sono costantemente monitorati i suoi livelli esistenziali. Si ipotizza che a breve possa essere dimesso e tornare a casa. Per quanto riguarda sua madre, invece, i medici non si sbilanciano perché le sue condizioni restano gravi e questa situazione lascia intravedere, al momento, una lunga degenza. (Rezarta Tahiraj)