Gio21032019

Ultimo aggiornamentoMar, 19 Mar 2019 9am

Appello da Direzione Italia per una proposta comune a tutto il centrodestra sui problemi della sanità pugliese

Sulla sanità dividersi è una follia. Abbiano talmente tante emergenze che ipotizzare di viaggiare su binari diversi sarebbe un suicidio politico. Considerazioni, riflessioni contenute nell'appello che il consigliere regionale di Direzione Italia-Noi con l’Italia, Renato Perrini, rivolge al centrodestra ionico e anche ai consiglieri di opposizione. “Il mio – spiega Perrini - è un appello a restare compatti affinché per l'ennesima volta non venga mortificato il territorio di Taranto che merita ben altre attenzioni rispetto a quelle riservate da questo governo regionale di centrosinistra. Le ultime decisioni sulla chiusura dei Punti di Primo Intervento sono una mazzata micidiale per Taranto, basti pensare all'ospedale Moscati, che ha già perso il Pronto Soccorso, smantellando così un presidio sanitario per una città e un quartiere costantemente a contatto con malattie terribili. Già allora tale scelta appariva assurda ma ora il sistema collasserà definitivamente. Ecco perché dobbiamo combattere, io lo sto già facendo con la stessa intensità con cui non volevo la chiusura del PS, affinché l'ospedale Moscati venga potenziato e non nuovamente mortificato”.

“Oggi, che le decisioni di Emiliano sono viste male anche da colleghi della sua oramai ex maggioranza, come centrodestra – afferma Perrini - dobbiamo prendere per mano il futuro della sanità jonica, e lo dobbiamo fare a Taranto e a Bari in Regione Puglia, seguendo una linea comune e mostrandoci coesi e determinati. Incontriamoci e parliamo, di persona, dialoghiamo e scendiamo in campo con una proposta comune per il bene della nostra comunità”.