Mar15102019

Ultimo aggiornamentoLun, 30 Set 2019 7pm

Il batterio della xyella avanza -si segnala la presenza anche in Valle D'Itria-il presidente Emiliano come affronta il problema?

Il consigliere regionale dei Conservatori e Riformisti, Erio Congedo, trova assurde le soluzioni che si stanno trovando in Regione contro il batterio che sta mettendo in ginocchio l’Agricoltura pugliese. 
Il problema dei rifiuti? Agenzia unica. Il problema Xylella? Agenzia unica. 
Insomma l’ “agenzia unica” sembra andare di moda quest’estate sul lungomare di Bari, dove ha sede la presidenza della Regione Puglia. 
Se i problemi non fossero così drammaticamente seri ci sarebbe da ridere. Leggere oggi che dal batterio, che sta mettendo in ginocchio l’Agricoltura pugliese, si guarisce se passiamo da una task-force a un’agenzia unica, è davvero la beffa delle beffe soprattutto per gli agricoltori salentini che si sentono a questo punto presi in giro. 
E così mentre la Xylella avanza – l’altro giorno qualcuno segnalava la presenza del virus in Valle d’Itria – mentre i vivaisti sono costretti per le piante a rischio di contagio a sottoporre i loro prodotti a lunghi e costosi trattamenti, mentre ci sono ancora notizie confuse sui ristori per gli ulivi ammalati, mentre l’Unione Europea è pronta a sanzionarci ulteriormente il presidente Emiliano pensa di “affrontare-sfrondare” il problema passando dai circa 50 esperti della task force a un solo esperto. Il solito commissario che come nei Rifiuti dovrebbe risolvere tutti i problemi. 
I commissari, quelli delle fiction e che Emiliano ha conosciuto quando era pm, arrivano di solito sul luogo del delitto per individuare gli assassini, non per contribuire a rendere il “delitto perfetto”!