Dom26092021

Ultimo aggiornamentoMer, 22 Set 2021 11am

C’è chi ruba un gratta e vinci e scappa alle Canarie e c’è chi vince ma non riscuote. Succede a Brindisi.

Stano ma vero: c’è chi ruba un gratta e vinci e scappa alle Canarie e c’è chi vince un sacco di soldi ma non riscuote la vincita!
La Sisal sta cercando il fortunato assegnatario di un premio di 100mila euro vinti ad un concorso del Superenalotto. Il concorso è quello che è stato denominato “Estate 100x100” e che prevedeva un’estrazione straordinaria fra quanti avessero giocato al Superenalotto. 

La Sisal ha comunicato che la giocata è stata fatta in una tabaccheria di corso Roma a Brindisi e che chiunque sia stato baciato dalla dea bendata potrà incassare la somma entro fine mese, esattamente venerdì 24 settembre. Il concorso è il numero 76 di sabato 26 giugno. Sisal quindi invita i giocatori a verificare i codici alfanumerici univoci legati all’iniziativa speciale, presenti sulla ricevuta di gioco.
Scaduto quel periodo, non sarà più possibile ottenere il denaro e la vincita finirà nelle casse dello stato.

Diventare milionari ma restare poveri, ignari della vincita. Questo probabilmente è quello che è successo a Brindisi ma non è un caso sporadico; ogni anno milioni di euro restano nelle casse dei Monopoli.
L'estrazione più importante in Italia, quella del 6 gennaio, quest’anno non ha premiato biglietti vincenti per un valore complessivo di circa 30 milioni di euro, in quasi venti anni (dal 2002).