Ven27112020

Ultimo aggiornamentoGio, 29 Ott 2020 10am

16 gli arrestati, alcuni sono di Foggia

Sono 16 gli arresti per mafia effettuati dalle forze dell'ordine in Puglia , Abruzzo e Molise. Gli arrestati pugliesi sono della provincia di Foggia. Cinque degli arrestati sono finiti in carcere mentre per 11 il gip è stato deciso di concedere il beneficio dei domiciliari. Ad operare sono stati i carabinieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. L'accusa non soltanto di traffico di cocaina, hashish e marijuana ma anche di detenzione di armi e munzioni, in parte risultano essere stati rubati dalla sede del club di poligono di tiro di Foggia. Al vertice di questo gruppo criminale c'era, secondo gli inquirenti, Gianfranco Bruno, detto 'Il primitivo', 42 anni, cognato di Rodolfo Bruno, ritenuto boss storico di Foggia, ucciso nel novembre 2018 in un bar di periferia in un agguato mafioso. 

Più di cento risultano essere i militari messi in campo per compiere questa operazione denominata Araneo. Questi militari sono stati supportati dai reparti specializzati dell’Arma  come ad esempio lo squadrone eliportato carabinieri Cacciatori, il Nucleo Cinofili e il Nucleo Elicotteri.

Le indagini, svolte dai carabinieri del Nucleo Investigativo, hanno permesso di disarticolare un’associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti operante su Foggia e provincia, ma con proiezione anche in ambito extraregionale come ad esempio Abruzzo e Molise. I carabinieri hanno effettuato anche decine di perquisizioni nelle aree sensibili di Foggia e della provincia.