Lun29112021

Ultimo aggiornamentoLun, 29 Nov 2021 5pm

Alcuni lavoravano in nero, altri erano pregiudicati per mafia.

Dal 2000 avevano incassato quasi due milioni di euro utilizzando la richiesta del reddito di cittadinanza senza averne diritto. La Guardia di Finanza di Barletta però ha scoperto la truffa e identificato ben 290 "furbetti" utilizzando la collaborazione del personale dell'Inps. I furbetti del reddito di cittadinanza risultano residenti in alcuni Comuni della BAT (Barletta Andria Trani) e della provincia di Foggia. Secondo quanto accertato dalla finanza circa una cinquantina di questi "furbetti" risultano condannati per reati di mafia o non avevano il requisito della residenza, altri ancora che non avrebbero indicato tutti i redditi percepiti o vincite a giochi online o il possesso di immobili. Alcuni, inoltre, sono stati addirittura sorpresi in attività lavorativa "in nero".