Mar09082022

Ultimo aggiornamentoLun, 25 Lug 2022 12pm

In Puglia venditore pacemaker eseguiva interventi chirurgici

“La notizia denunciata da ‘Report’ sugli interventi chirurgici eseguiti dal venditore di pacemaker, se confermata, sarebbe sconvolgente e sconfortante per i pugliesi che avrebbero ragione di preoccuparsi. Tuttavia, se il sistema smette di essere governato ed è allo sbando, le maglie si allargano e lasciano spazio a fenomeni patologici come questo”. Lo dichiarano i consiglieri regionali di Forza Italia Erio Congedo, Aldo Aloisi, Antonio Barba e Luigi Mazzei.
“Come sempre – aggiungono - nella Puglia di Vendola ed Emiliano, deve essere la stampa o la magistratura a far emergere situazioni degenerate che un sistema sanitario serio e strutturato sarebbe nelle condizioni di evitare. È evidente, infatti, che non esistano controlli efficaci ed efficienti per garantire un minimo di qualità e, come in questo caso, di legalità e a nulla possono servire gli sforzi di Pentassuglia. Il direttore generale dell’Asl di Lecce ha inviato le carte in Procura dopo che è scoppiato il caso. Un atto dovuto, ma altrettanto dovuto era controllare sul servizio. Questo vale per Lecce come per tutta la Puglia, dove in ogni azienda sanitaria vige l’anarchia e giornalmente emergono disfunzioni come per l’azienda barese. A questo punto, è chiaro che sia assolutamente deficitaria la gestione politica della sanità e lo diciamo da tempo”.
“Ci auguriamo – concludono - che il centrodestra vinca le prossime elezioni per dare una sterzata forte e vigorosa alla sanità pugliese, ormai in completo default”.