Ven19072019

Ultimo aggiornamentoLun, 17 Giu 2019 7pm

Appuntamento dopo appuntamento il Barocco Festival “Leonardo Leo” continua ad ottenere consensi e apprezzamenti, circa 2500 le presenze di pubblico non stimate ma certe. Ora l'attenzione si sposta sul settimo e penultimo concerto che si terrà martedì 2 settembre a S. Vito dei Normanni. Protagonista della serata sarà il clavicembalo. Nell'atrio del Chiostro dei Domenicani si esibirà il duo Basilio Timpanaro e Rossella Policardo con le musiche di Leo, Soler e Mozart per due clavicembali o for twenty fingers come recita il titolo del concerto.Fu proprio il grande Mozart, a coniare la formula della sonata “a quattro mani”, la pratica che vede due esecutori suonare insieme sulla stessa tastiera ma esempi eccellenti di composizioni per due tastiere si erano già avuti vedi i concerti per due clavicembali di J.S. Bach e le composizioni del catalano Padre Antonio Soler per citarne alcuni.

Il programma di questo concerto presenta il “duo tastieristico” nelle sue diverse declinazioni: i due strumenti dialoganti su un piano di parità; due strumenti di cui uno svolge la funzione “melodica”, comparabile a quella dello strumento solistico ad arco o a fiato, mentre l’altro svolge la funzione di accompagnamento e infine il cosiddetto duo “a quattro mani”. Al primo di questi casi appartengono i Conciertos de dos Organos Obligados di Antonio Soler, compositore spagnolo che raccoglie nella sua vasta produzione di musica per cembalo l’eredità di Domenico Scarlatti, di cui fu allievo, enfatizzandone il carattere virtuosistico e il colore strumentale spagnolo, evidente nell’uso di ritmi di danza, nelle armonie, nella scintillante ornamentazione. Proprio il virtuosismo, a tratti scatenato, e il carattere sensuale della sua musica (famosissimo per queste sue caratteristiche il Fandango per clavicembalo) valsero a Soler, già alla sua epoca, il soprannome di El diablo vestido de frai.

Si passa poi alle musiche di Leonardo Leo, capostipite della celebre Scuola napoletana e sommo compositore di musica vocale. Tutta la sua musica, anche quella strumentale, ha un carattere di nobile e appassionata cantabilità, come i cosiddetti Solfeggi. Si tratta di composizioni che presentano un carattere così vario e articolato, con figurazioni ritmiche complesse e arditi salti melodici, con passaggi di tipo virtuosistico e arricchiti da abbondante ornamentazione, da andare sicuramente ben al di là del semplice “esercizio” didattico; insomma una scrittura di tipo “strumentale”, tale da poter anche essere efficacemente eseguita da uno strumento melodico e basso continuo o come sonata di cembalo.

Il concerto si conclude con un illustre esempio di sonata per duo “a quattro mani”: la sonata in Si bem, KV 358, di Mozart.


PROGRAMMA

Antonio Soler (1729-1783)

Concerto n. 3 in Sol min.

Andantino, Minué

Leonardo Leo (1694 – 1744)

dai “50 Solfeggi” (Ms. Mus.A 313xpa, Db 4 Königliche Privat-Musikaliensammlung - Dresden)

Solfeggi n.11 (alla francese) e n. 12 (allegro) in Do min.

Solfeggi n. 3 (cantabile) e n. 4 (allegro) in Do min.

Solfeggi n.18 (Larghetto ecantabile) e n. 19 (allegro) in Mi min.

Antonio Soler

Concerto n. 2, in La min.

Andante, Allegro, Tempo de Minué

Concerto n. 1, in Do min.

Andante, minué.

Leonardo Leo 

Solfeggi n. 46 (senza.ind. di tempo), n. 47 (allegro), in Fa magg.

Solfeggi n. 5 (cantabile) e n. 6 (allegro) in Do min

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Sonata in Si bem magg. KV 358

Allegro, adagio, molto presto.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Biografia Basilio Timpanaro

Dopo essersi diplomato con lode in pianoforte e in direzione di coro, ha studiato clavicembalo e organo antico al Conservatorio di Rotterdam sotto la guida di David Collyer; vincitore di una borsa di studio biennale del Governo Olandese, si è poi perfezionato con Siebe Henstra presso il Conservatorio di Utrecht, dove ha conseguito il Diploma concertistico di clavicembalo. Ha inoltre partecipato a seminari e master classes di clavicembalo e organo tenute da T. Koopman, G. Leonhardt, J.B. Christensen, H. Vogel, L. F. Tagliavini, e di fortepiano da M. Bilson.

È tra i fondatori e principali animatori di importanti ensembles di musica antica quali lo Studio di musica antica “Antonio Il Verso” e Les Eléments. Ha inoltre svolto attività concertistica con diversi gruppi e orchestre (tra cui l’Ensemble “Elyma” di Ginevra, Cantica Symphonia di Torino, Het Hollands Kamerorkest, European Community Chamber Orchestra) e ha frequentemente collaborato con alcuni fra i cantanti e gli strumentisti più affermati nel campo della musica barocca (fra i quali G. Banditelli, M.C. Kiehr, C. Ansermet, A. Bernardini, A. Grazzi, R. Minasi, E. Onofri – ha anche suonato in duo con A. Staier, eseguendo concerti a due cembali di J.S. Bach).

Ha suonato nell'ambito di alcuni tra i più importanti festivals europei di musica antica (come l'Holland Festival Oude Muziek di Utrecht, la Settimana Internazionale di Musica Medievale e Rinascimentale di Erice, i Festivals d’Ambronay, de La Chaise Dieu e di Beaune in Francia, la Settimana di Musica Sacra di Monreale, le stagioni di musica antica della Fondação Calouste Gulbenkian di Lisbona e dell’Ateneo Navarro di Pamplona) e ha collaborato alla produzione di opere barocche con enti lirici quali il Teatro Massimo di Palermo, il Maggio Musicale Fiorentino e il Festival Monteverdi di Cremona. Si è esibito in recital solistici, in Italia e all'estero, per importanti rassegne di musica antica e stagioni concertistiche: tra queste la stagione serale dell'associazione Amici della Musica di Palermo, la stagione di Piemonte in Musica, il festivalSuona Francese e i concerti del Museo de Historia di Tenerife. Ha partecipato, anche con esecuzioni dal vivo, a trasmissioni radiofoniche su RadioRai3. Da clavicembalista e organista ha preso parte a diverse incisioni discografiche, alcune delle quali hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti dalla critica internazionale (Diapason d’Or, Premio Vivaldi, Gran Prix du Disque): La Dafne di Marco da Gagliano, il Combattimento di Tancredi e Clorinda, il Vespro della Beata Vergine e l'integrale delle Opere di Monteverdi sotto la direzione di Gabriel Garrido (per L’incoronazione di Poppea ha anche composto degli accompagnamenti concertati con violini), la Passione di N.S. Gesù Cristo di Jommelli con la Berliner Barock Akademie diretta da A. De Marchi, Il Secolo d'oro nel Nuovo Mondo ('600 latino-americano), e inoltre lavori di Corteccia, Rubino, Perez e Aliotti per le etichette Tactus, Symphonia, K617 e Butterfly Records-Teatro Massimo Palermo. Con Les Eléments, diretto da Piero Cartosio, ha recentemente inciso Venere, Amore e Ragione, Serenata di Alessandro Scarlatti, pubblicata, insieme al Concerto X dalle Dodici Sinfonie di Concerto Grosso, dall'etichetta La BottegaDiscantica. Laureato con lode in Musicologia presso l’Università di Bologna con una tesi sul basso continuo nella musica italiana del Seicento, ha curato per l’editore Alfieri&Ranieri l’edizione moderna delle cantate di A. Scarlatti custodite presso il Fondo Altieri di Noto. Ha tenuto vari corsi di perfezionamento di clavicembalo e basso continuo e seminari sulla prassi esecutiva e la trattatistica della musica antica. Vincitore di concorso nazionale, è titolare della cattedra di clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo.


Biografia Rosella Policardo

Nata a Palermo nel 1990, ha studiato pianoforte presso il Conservatorio di Musica della sua città sotto la guida del M° Marzia Manno, conseguendo il Diploma accademico di I livello con lode e menzione. Nel 2013 con la stessa docente ha conseguito il Diploma accademico di II livello in pianoforte con lode e menzione. Si è poi perfezionata, in qualità di studente Erasmus, presso l’Accademia di Musica di Cracovia (Polonia). Ha frequentato diverse Master Classes per pianisti e formazioni di Musica da Camera tenute dai Maestri Canino, Marvulli, Pastorino e An Li Pang.

Come pianista ha partecipato a diversi Concorsi Musicali, ottenendo sempre prestigiosi riconoscimenti e si è esibita sia da solista che in formazioni cameristiche in numerose Stagioni e Rassegne di musica di importanti Associazioni ed Enti musicali.

Ha successivamente intrapreso gli studi di clavicembalo e di basso continuo sotto la guida del M° Basilio Timpanaro, conseguendo il diploma con lode e menzione. La sua straordinaria attitudine e talento dimostrati per questo strumento l’hanno rapidamente portata a esibirsi in concerto in Italia e all’estero (Polonia, Francia, Germania), sia da solista che in gruppo. Nel Maggio 2011 si è esibita da solista (concerti per cembalo e orchestra di Mozart e di W. Fr. Bach), con l’Orchestra Harmonices Mundi, al 60° Mozartfestival di Augsburg (Germania). Ha preso parte a importanti festival di musica antica, tra cui “Associazione per la Musica antica Antonio il Verso” di Palermo, “Settimane Barocche” di Brescia, Settimana di Musica Sacra di Monreale, “Musica antica a Villa Reale" di Monza, "Pavia Barocca" e Fondazione Royaumont (Francia). Si è esibita in concerto con alcuni degli strumentisti e cantanti barocchi più affermati, tra cui Enrico Onofri,Sonia Prina, Maria Grazia Schiavo, Luca Dordolo. Vincitrice di una Borsa di studio, da tre anni è Maestro al cembalo delle classi del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Palermo.

Ha seguito Master Classes di Clavicembalo e Fortepiano tenute dai Maestri Mark Kroll, Claudio Astronio, Emilia Fadini, Antonio Florio.

E' risultata vincitrice in diversi concorsi, tra cui ilConcorso europeo di Clavicembalo e Basso Continuo “Gianni Gambi” (Pesaro, marzo 2011 - tra i membri della giuria, Emilia Fadini e Blandine Rannou; oltre ad essere premiata sia nella sezione Clavicembalo solista che nella sezione Basso Continuo, si è qui aggiudicata i due Premi Speciali in palio, uno per la migliore esecuzione di un brano del Seicento e l’altro di un brano del Settecento italiano) e recentemente - marzo 2013 - il Concorso "Amelia Bianchi" di La Spezia, presieduto da Bob van Asperen.

E’ stata membro dell’Orchestra Barocca Europea (EUBO), per il tour 2011, con concerti in Francia, Germania, Belgio, Ungheria, Spagna, Lussemburgo, Italia, diretti dal M° Enrico Onofri ed è stata nuovamente chiamata a farne parteper il tour 2013diretto dal M° Stefano Montanari, con concerti in Polonia, Lussemburgo, Gran Bretagna, Italia.

Inoltre recentemente è stata l’unica selezionata, tra cembalisti di tutta Italia, per la formazione di un’orchestra barocca giovanile presso la Cappella della Pietà dei Turchini di Napoli.

 

FacebookTwitter
Pin It