Ven22032019

Ultimo aggiornamentoMar, 19 Mar 2019 9am

Il programma del Piccolo festival della parola dall’8 all’11 giugno

Oltre cinquanta eventi tra presentazioni di libri, incontri, reading, performance musicali, proiezioni, mostre d’arte, omaggi ai grandi poeti pugliesi del Novecento. E ancora: poetry slam, azioni di poesia urbana, laboratori di scrittura e lettura. Torna il Piccolo festival della parola: dopo un’edizione sperimentale nel 2016 tra Otranto, Ostuni e Trani, quest’anno la manifestazione, dall’8 all’11 giugno, si terrà a Noci, nella “Terra dei trulli”, tra stradine pitturate di bianco, piazze, “gnostre”, chiostri cinquecenteschi, ma anche in luoghi insoliti per la cultura, dai pub ai giardini pubblici (ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti). Il festival è promosso dal Consiglio regionale della Puglia, da Teca del Mediterraneo (Biblioteca Multimediale del Consiglio regionale della Puglia), dal Comune di Noci, e organizzato da Fluid, con la partecipazione operativa del Teatro Pubblico Pugliese e il coinvolgimento di istituzioni e associazioni culturali attive sul territorio regionale. 
L’iniziativa è stata presentata nella sede del Consiglio regionale in un incontro al quale hanno partecipato il presidente del Consiglio Mario Loizzo, la dirigente della Sezione Biblioteca e Comunicazione istituzionale, Daniela Daloiso, il sindaco di Noci, Domenico Nisi e l’assessore alla Cultura, Lorita Tinelli; Giulia Murolo, responsabile Comunicazione del Consiglio regionale; Sante Levante, direttore del Teatro Pubblico Pugliese; Silvana Kuhtz di Poesia in Azione e il critico cinematografico Antongiulio Mancino.
“Il Consiglio regionale non è solo l’assemblea legislativa, che è la sua missione principale – ha sottolineato Loizzo - è anche una serie di articolazioni e di funzioni essenziali rispetto alla complessità della società attuale. Una di queste articolazioni è la sezione Biblioteca e Comunicazione istituzionale che sviluppa una serie di iniziative di forte impatto culturale e comunicativo. In questo modo il Consiglio regionale riesce a dare un contributo alla valorizzazione del territorio, non soltanto diffondendo cultura e coinvolgendo i cittadini e i giovani, ma anche promuovendo le tante bellezze della Puglia con grandi eventi culturali”.

 

 

 

 

FacebookTwitter
Pin It