Mar12122017

Ultimo aggiornamentoLun, 11 Dic 2017 4pm

I nomi dei premiati con il "Nicolino d'oro"

Torna anche quest’anno, tra gli eventi programmati a Bari, c'è la Fiaccolata Nicolaiana, la manifestazione non competitiva organizzata nel giorno di San Nicola dall’associazione “Road Runners”, in collaborazione con l’associazione “Quelli della Pineta” e il circolo Acli “Dalfino”.

La 25° edizione della marcia si terrà, come da tradizione, all’alba del 6 dicembre: dopo il raduno in programma alle ore 5 nel parco 2 Giugno, nella pineta San Francesco e davanti alla chiesa San Francesco, in via Peucetia a Japigia, i tre gruppi di runners si muoveranno verso piazza Massari e da qui, tutti insieme, si dirigeranno a Bari vecchia. Dovranno attraversare piazza Federico II di Svevia, piazza Cattedrale, via Figlioli – arco delle Meraviglie, piazza dei Gesuiti e strada Palazzo di Città per giungere sul sagrato della Basilica, dove si terrà la consueta funzione religiosa a cura del priore.

I dettagli dell’iniziativa sono stati illustrati questa mattina, a Palazzo di Città, dall’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli, da Michele Fanelli del Circolo Acli - Dalfino, e da Rino Piepoli e Gaetano Sifanno in rappresentanza delle associazioni “Road Runners” e “Quelli della Pineta”.

 “È sicuramente un evento cui siamo molto affezionati - ha dichiarato Pietro Petruzzelli - anche perché si muove tra la fede e la voglia di stare insieme. Alla Fiaccolata nicolaiana possono partecipare tutti, runners e semplici amanti della corsa, proprio perché si tratta di un bel momento di aggregazione. L’anno scorso eravamo più di 500 avvolti da un’atmosfera di festa e da una grande partecipazione emotiva all’evento, che apre i cerimoniali in onore di San Nicola. Quest’anno, per festeggiare i 25 anni dell’iniziativa, invitiamo tutti ad indossare un indumento bianco, rosso o biancorosso”.

 “Sono passati ormai 25 anni dalla prima Fiaccolata nicolaiana - ha aggiunto Michele Fanelli - e, per celebrare questo straordinario traguardo, vogliamo dedicare questa edizione della marcia a due temi che interessano tutto il Paese: la denatalità e la violenza sui nostri bambini, due questioni che vanno affrontate in modo serio e con urgenza. Ovviamente affronteremo queste problematiche organizzando altre iniziative”.

Come al solito, al termine della manifestazione, il Circolo Acli “Dalfino” provvederà a distribuire cioccolata calda e savoiardi ai corridori in via San Marco. Le iscrizioni termineranno domani, martedì 5 dicembre. Per informazioni chiamare i numeri 080 5210355, 080 5428191 o 339 1070229. 

A margine della presentazione, Michele Fanelli ha voluto annunciare i nomi dei cittadini e delle associazioni baresi che saranno insigniti mercoledì 6 dicembre, alle ore 10.30, nella sala consiliare di Palazzo di Città, del 20° “Nicolino d’Oro”, il premio promosso dal circolo “Dalfino” e rivolto a coloro che si sono distinti, all’insegna dei valori cristiani, nel promuovere Bari, adoperandosi in prima persona per il bene comune e dando lustro alla storia e alla cultura della città. Si tratta di sette nominativi individuati per ogni sezione:

·        sezione Socio-politica: Simeone Di Cagno Abbrescia

·        sezione Cultura: Nico Maretti, attore

·        sezione Sociale: suor Paola (appartenente all’ordine delle Vincenziane)

·        sezione Ricerca: Marco Tatullo, ricercatore presso il dipartimento di Odontoiatria

·        sezione Associazioni: Panificatori provincia di Bari

·        sezione medicina: Nicola Laforgia, primario di Neonatologia del Policlinico di Bari

·        sezione Artigianato: Franco Faliero, ottico.

“Il Nicolino d’Oro oscilla tra la tradizione e gli albori di internet - ha concluso l’assessore alle Culture Silvio Maselli -. Quando, infatti, una persona è prestigiosa, su facebook, ad esempio, raccoglie il dovuto consenso attraverso i like. Alla stessa maniera, questo premio ci consente di individuare le persone più prestigiose della città, che hanno costruito la loro storia sull’impegno quotidiano e l’amore per la nostra comunità. Si tratta di un tentativo di riconoscere e assegnare una patente di prestigio ad alcuni nostri concittadini, e chi la ottiene entra di fatto a far parte della storia di Bari. All’amministrazione comunale non può che far piacere accompagnare il circolo Acli “Dalfino” in questo percorso collettivo perché questo premio fa delle donne, degli uomini o delle realtà associative premiate, degli esempi da seguire e rispettare”.

 

FacebookTwitter
Pin It