Ven19072019

Ultimo aggiornamentoLun, 17 Giu 2019 7pm

Al Salento Festival Classica protagonista il pianista Benedetto Lupo

Secondo appuntamento con il Festival Salento Classica organizzato dalla Fondazione Ico Tito Schipa. Protagonista il pianista Benedetto Lupo: Venerdì 12 settembre nell’Atrio dei Teatini (in caso di maltempo nella Basilica di Santa Croce) il concerto nel segno di Beethoven, Liadov e Prokoviev

Continuano gli appuntamenti con il Festival Salento Classica organizzato dalla Fondazione ICO Tito Schipa per la direzione artistica di Ivan Fedele. Il protagonista del secondo concerto per pianoforte e orchestra – in programma Venerdì 12 settembre nell’Atrio dei Teatini (in caso di maltempo nella Basilica di Santa Croce), alle ore 21.00 – è il pianista Benedetto Lupo, docente all’Accademia di Santa Cecilia a Roma. Sul podio torna come da programma il M° Stanislav Kochanovsky, il giovane direttore russo, infatti, dirigerà l’Orchestra ICO Tito Schipa anche negli altri appuntamenti dedicati a Beethoven.
Considerato dalla critica internazionale come uno dei talenti più interessanti e completi della sua generazione, Benedetto Lupo interpreterà il Concerto n. 5, in mi bem magg. op. 73 di Ludvig van Beethoven. Conosciuto con la denominazione “Imperatore” per la concezione monumentale, a partire dalla tonalità eroica e solenne del mi bemolle maggiore, e per il contesto bellico in atto tra Francia ed Austria nel periodo della sua composizione tra il 1808 e il 1809, il Concerto n. 5 non rinnega l’ormai acquisito rapporto concertante tra il solista e l’orchestra.
In programma anche lo Scherzo op. 16 di Liadov e la Suite n. 2 da Romeo e Giulietta di Prokof’ev.
Un viaggio musicale che percorre tre personalità, quello proposto al pubblico del secondo appuntamento con il Festival Salento Classica. Accanto al genio beethoveniano, infatti, imperdibili le atmosfere ottocentesche di Liadov, straordinario collezionista di miniature orchestrali, sognanti e cesellate al punto che gli valsero il soprannome di “fabbro ferraio”.
La ricchezza musicale di questo secondo concerto, inoltre, è ulteriormente impreziosita dai due brani postromantici tratti dalle suite di “Romeo e Giulietta”, il balletto in 4 atti e 10 quadri che fu scritto da Prokofiev tra il 1935 e 1936 e che segna l’apice dell’ardore creativo del compositore.
Continua la campagna #savetheorchestra: partecipare ai concerti significa salvaguardare la cultura musicale del nostro Paese.

I biglietti, così come gli abbonamenti, sono disponibili presso il Castello Carlo V - via XXV Luglio, Lecce tel. 0832 246517. La biglietteria è aperta tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 20.30, nei giorni di programmazione i biglietti sono disponibili presso i luoghi dei concerti dalle ore 20.00 in poi.

FacebookTwitter
Pin It