Ven19072019

Ultimo aggiornamentoLun, 17 Giu 2019 7pm

Lettera di Emiliano a Conte per i progetti e i finanziamenti destinati alla Capitanata

La Regione Puglia non può essere esclusa dalle decisioni sul cosa e come fare per la Capitanata. Il governatore della Puglia lo ha fatto sapere al presidente del Consiglio Giuseppe Conte mediante una lettera inviata nella vigilia di Capodanno.

Come è noto si dovrà costituire a breve uno specifico Contratto Istituzionale di Sviluppo per la provincia di Foggia. Questo è emerso chiaramente dall'incontro che il presidente Conte ha avuto il 27 dicembre nella prefettura di Foggia. Incontro preceduto da polemiche perchè Emiliano non sarebbe stato invitato (Conte ha riferito di averlo cercato telefonicamente per comunicargli l'invito) ma si è presentato ugualmente a quell'incontro.

E' ora necessario verificare alcuni dei fabbisogni prioritari della Capitanata. Su questo aspetto la Regione Puglia non vuole in alcun modo essere esclusa, anzi vuole collaborare al massimo e fornire ogni contributo necessario a stabilire con precisioni le esigenze di quel territorio.

“Intendo confermare la piena e leale collaborazione della Regione Puglia – ha scritto Emiliano nella lettera - alla predisposizione del CIS della Capitanata, ed in particolare portare alla Sua cortese attenzione come la Regione Puglia abbia già avuto modo di sensibilizzare negli ultimi mesi i Comuni e gli operatori privati presenti sul territorio alla presentazione di progetti cantierabili di grande rilievo per le prospettive di sviluppo locali”:

Emiliano spiega anche quali sono questi progetti: l'efficientamento energetico degli edifici pubblici, la rigenerazione e lo sviluppo urbano delle città di piccola e di media dimensione, la qualificazione della gestione integrata delle risorse idriche, l'adeguamento infrastrutturale degli edifici scolastici, la realizzazione di nuovi investimenti industriali e la qualificazione di quelli già esistenti con particolare riferimento alla trasformazione e commercializzazione delle produzioni agroalimentari e di quelli a vocazione turistica.

“L'imminente formale costituzione del CIS costituisce un'opportunità di grande rilievo per promuovere – afferma il governatore della Puglia - una proficua cooperazione interistituzionale finalizzata a favorire la realizzazione di progetti di primario interesse per il territorio sia dal punto di vista ambientale, sia per quanto concerne lo sviluppo economico ed occupazionale”.

E' per questo che Emiliano chiedi a Conte “di prevedere anche nel CIS della provincia di Foggia la costituzione del Nucleo Tecnico di Valutazione, con la presenza della Regione al suo interno e le medesime modalità di lavoro del Nucleo Tecnico già attivato nell'ambito del CIS di Taranto, che rappresenta la sede più appropriata per effettuare una verifica tecnica congiunta di tutte le progettualità candidate e da presentare da parte del territorio che verranno sottoposte all'attenzione ed eventuale approvazione del Tavolo Interistituzionale che presiede all'attuazione del CIS”. (R.T.)