Lun29112021

Ultimo aggiornamentoLun, 29 Nov 2021 5pm

Formare gli esperti di Meccanica e Meccatronica e la visita all'azienda Masmec

"Dopo anni in cui l'Italia si e' spesso dimenticata delle sue ragazze e dei suoi ragazzi, sappiate che le vostre aspirazioni, le vostre attese, oggi sono al centro dell'azione del Governo", ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi nella sua prima visita istituzionale al Sud, in occasione della visita a Bari, nell'istituto tecnico superiore Antonio Cuccovillo. 

Draghi a Bari ha parlato degli Istituti tecnici superiori: "Investiamo circa 1 miliardo e mezzo di euro - ha detto il premier - per dare ulteriore slancio agli ITS. E favorire l'inserimento degli studenti nel mondo del lavoro. Intendiamo formare nuovi docenti per percorsi di studio innovativi e potenziare le strutture, a partire dai laboratori che utilizzano tecnologie 4.0. La riforma degli ITS, attualmente all'attenzione del Senato dopo l'approvazione alla Camera, intende allineare la formazione tecnica superiore alle aree tecnologiche del futuro, come la mobilita' sostenibile e le biotecnologie. Vogliamo sia approvata definitivamente nel 2022, insieme alla riforma degli istituti tecnici e professionali". 

L'istituto Cuccovillo si occupa di formare esperti nel settore della Meccanica e della Meccatronica. Tra le aziende partner c'è la Masmec, nella zona industriale di Bari, che il premier ha visitato poco prima di arrivare all'edificio scolastico. Draghi era accompagnato nella visita anche dal sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, e dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Decaro ha detto di aver utilizzato questa visita a Bari di Draghi per evidenziarli alcuni aspetti importanti del Sud: "Ho spiegato a Mario Draghi che abbiamo una grande occasione, le risorse ci possono far recuperare un gap tra Sud e Nord". Commentando il quesito di grande attualità che ipotizzerebbe uno scenario politico in cui Draghi diventi capo dello Stato il sindaco Decaro ha affermato che "Draghi sarebbe autorevole anche per fare il Presidente della Repubblica".

Rivolgendosi agli studenti dell'istituto tecnico superiore A.Cuccovillo di Bari il premier Mario Draghi ha detto:  "A voi giovani il compito di trasformare l'Italia. Con un pizzico di incoscienza" "A voi giovani spetta il compito di trasformare l'Italia. Il nostro compito e' mettervi nelle condizioni di farlo al meglio. Il vostro e' cominciare a immaginare il Paese in cui vorrete vivere. Preparatevi a costruirlo, con passione, determinazione e - perche' no - un pizzico di incoscienza". Poi Draghi ha aggiunto: "L'istruzione e' alla base del percorso di crescita di qualsiasi giovane. Negli anni della scuola acquisite conoscenze che vi serviranno per negli anni a venire.Scoprite le vostre inclinazioni individuali, i vostri talenti. E vi preparate a partecipare pienamente alla vita del Paese. Investire nella scuola e' quindi un dovere civile e un atto di giustizia sociale". Draghi ha evidenziato che "un sistema educativo che non funziona alimenta le diseguaglianze, ostacola la mobilita' e priva l'Italia di cittadini capaci e consapevoli". Anche per questo è importante investire nella scuola.