Mer15082018

Ultimo aggiornamentoDom, 29 Lug 2018 4pm

Salma dell'arcivescovo Michele Santoro esposta anche nella Cattedrale di Manfredonia

La salma dell'arcivescovo Michele Santoro sarà esposta in più chiese prima del funerale programmato per il 7 maggio, con inizio alle ore 16.00.

Il decesso del prelato superiore è avvenuto la notte scorsa al termine di una lunga e dolorosa malattia. Mons. Santoro aveva 66 anni. Oltre a essere arcivescovo della diocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, Castoro era anche presidente di Casa Sollievo della Sofferenza, l'ospedale voluto da Padre Pio a San Giovanni Rotondo, e direttore generale dei Gruppi di preghiera 'San Pio da Pietrelcina'.

Oggi, sabato, la salma sarà esposta nella cappella grande della Casa Sollievo della Sofferenza sino alle ore 12.00. Sono già in svolgimento momenti di preghiera organizzati dai cappellani e dalle suore dell'ospedale. Subito dopo la salma sarà trasferita a Manfredonia dove sarà esposta, dalle ore 16.00 di oggi fino alle ore 13.00 del 7 maggio, nella Cattedrale. Poi la salma dell'arcivescovo tornerà a San Giovanni Rotondo, presso la chiesa nuova di San Pio da Pietrelcina, dove, dalle ore 16.00, avranno inizio i funerali. 

Ordinato nel 1977 sacerdote nella Cattedrale di Altamura, dal 1996 era capo ufficio presso la Santa Sede presso la Congregazione per i vescovi. Nel maggio 2005 Benedetto XVI lo aveva voluto vescovo di Oria (Brindisi) e il 15 luglio 2009 arcivescovo nell'attuale diocesi in cui rientra anche San Giovanni Rotondo. Nel 2009 ha chiuso l'ostensione straordinaria delle spoglie di San Pio da Pietrelcina, iniziata il 24 aprile 2008 dopo la ricognizione del corpo del santo; nel 2013 ha annunciato l’ostensione permanente del corpo di San Pio da Pietrelcina.

Era stato lui stesso a dare notizia della sua malattia incurabile che ne ha logorato il fisico per quasi un anno. Lo scorso 17 marzo aveva accolto Papa Francesco per la visita pastorale a San Giovanni Rotondo e al Pontefice, in quell'occasione, disse che il Santo Padre "si è chinato sulle ferite di chi soffre, soprattutto dei nostri bambini ammalati e delle nostre famiglie".

A dare l'annuncio del decesso, invece, è stato anche il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi: “il nostro amato Pastore, il vescovo Michele Castoro, è salito al Cielo, per incontrare quel Cristo che su questa terra ha fedelmente amato e servito".

Maurizio Placentino, ministro provinciale dei Frati Minori Cappuccini della Provincia religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio, ha commentato affermando di essere certo “che la bontà d’animo di mons. Castoro lo ha già reso partecipe dell’eterna beatitudine e confido nella sua paterna intercessione per le necessità del nostro Santuario di San Giovanni Rotondo, che per ben nove anni è stato sotto la sua sapiente guida pastorale”.

Il rito funebre sarà trasmesso in diretta da Padre Pio Tv. (R.T.)