Ven27112020

Ultimo aggiornamentoGio, 29 Ott 2020 10am

Lecce sconfitto solo ai supplementari dal Torino

Mister Corini ha dovuto attendere il finale dei supplementari per convincersi che ormai la bella partita disputata dal suo Lecce a Torino aveva un verdetto di condanna inappellabile. A firmare quella condanna è stato Verdi, il bravo giocatore granata che con una doppietta, dopo i tempi regolamentari, ha bruciato le speranze dei salentini di continuare il cammino il Coppa Italia. 

Il Lecce è andato in vantaggio al 22' con una rete di Stepinski. E' stato padrone del campo anche quando gli avversari sono arrivati alla parità al 39' con Lyanco. Poi i salentini sono stati bravi sino alla fine dei tempi regolamentari. La fortuna ha regalato due palle gol al Torino al Torino quando ormai la stanchezza di tutti e le squadre allungate nella ricerca di reti avevano fatto saltare un po' troppo gli schemi iniziali di gioco. Le reti di Verdi sono arrivate al 109' e tre minuti dopo. Risultato finale Torino - Lecce 3 - 1. Il Torino ha vinto ma ha anche deluso sul piano del gioco. Peccato che i salentini non siano riusciti ad approfittare per tornare in Puglia con la vittoria che meritavano. L'allenatore granata, Marco Giampaolo, però pensa alla partita vinta e ammette che con il Lecce questo risultato era particolarmente difficile da ottenere. 

Marco Giampaolo a Torino Channel ha infatti dichiarato che “il passaggio del turno non era così scontato. Il Lecce l’anno scorso giocava in Serie A e ancora oggi impiega tanti giocatori che l’anno scorso disputavano il massimo campionato. La storia ci insegna che sono scontri sempre difficili. L’obiettivo era superare il turno, andare avanti e questo è stato centrato “.

Giampaolo ha aggiunto che “chi è sceso in campo ha dato il massimo, poi c’è da lavorare, da mettere a posto tante cose, ne sono consapevole. Non mi nascondo mai dietro una sconfitta o una vittoria. Mi piace analizzare i contenuti della partita e dentro quei contenuti vado ad analizzare le cose che ci servono per il futuro. La partita di venerdì mi è piaciuta molto anche se abbiamo pareggiato mentre oggi abbiamo vinto, ma ci sono diverse cose da rivedere. La squadra è stata brava a trovare gli spazi e i passaggi giusti. C’è anche da mettere in preventivo che oggi si sono visti diversi giocatori che scendevano in campo per la prima volta”.

Eugenio Corini è contento della prestazione dei suoi uomini ma amareggiato, ovviamente, per il risultato: “Abbiamo giocato 120′ con personalità, la mia squadra stasera meritava il passaggio del turno. Nei 90′ abbiamo pareggiato contro una squadra della massima serie, meritavamo la vittoria. Nei supplementari noi volevamo ottenere il passaggio del turno, ma abbiamo concesso qualcosa sui due gol. Sul secondo ho visto solo Lucioni respingere la palla, nient’altro poi l’arbitro ha concesso il penalty. Nel terzo gol il direttore di gara, a mio parere, avrebbe dovuto fermare il gioco, perché la barriera granata era uscita in anticipo”.

“Stępiński che ha fatto un’ottima partita meritando la rete del vantaggio – ha chiarito Corini -, dopo i primi 45′ aveva giramenti di testa e lo staff medico ci ha consigliato di non rischiare. Ora sta bene. A livello generale i ragazzi mi hanno dato buoni segnale. Da Masselli, che ha giocato da vertice di centrocampo contro una squadra di Serie A: un compito non facile, a Bjorkengren le cose positive sono state molte. Adesso dobbiamo prepararci bene per il match di Pescara”.

Torino-Lecce 3-1 (tempi regolamentari 1-1)

Marcatori: 22’ p.t. Stepinski (L), 39’ p.t. Lyanco (T), 4’ s.t.s. Verdi rig. (T), 8’ s.t.s Verdi (T)

Assist: 22’ p.t. Mancosu (L), 39’ p.t. Verdi (T)

Torino (4-3-1-2): Milinkovic-Savic; Singo, Lyanco, Nkoulou, Murru (21’ s.t. Lukic); Ansaldi (45’ s.t. Rodriguez), Segre (45’ s.t. Rincon), Linetty (21’ s.t. Meité); Gojak (3’ p.t.s. Edera); Verdi, Bonazzoli. All. Giampaolo

Lecce (4-3-1-2): Vigorito: Adjampong (6’ p.t.s. Meccariello), Rossettini, Lucioni, Calderoni; Henderson, Maselli, Bjorkengren (26’ s.t. Zuta); Mancosu (26’ s.t. Paganini); Pettinari, Stepinski (1’ s.t. Coda). All. Corini.

Arbitro: Piccinini di Forlì

Ammoniti: 20’ s.t Bjorkengren (L), 44’ s.t. Henderson (L), 46’ s.t. Gojak (T), 15’ pt.s. Maselli (L), 3’ s.t.s Lucioni (L)