Mar15102019

Ultimo aggiornamentoLun, 30 Set 2019 7pm

Bari torna a vincere con la cura di mister Nicola

Davide Nicola riporta il Bari alla vittoria. L'impresa riesce nella sfida casalinga contro il Trapani. Per assistere alla partita i tifosi baresi sono andati in 22mila allo stadio San Nicola. Un segnale di riappacificazione con la società ed un atto di fiducia per il neo allenatore. Prima dell'inizio di gioco anche il dono simbolico di una sciarpa del Bari per Nicola. Buona la prima si potrebbe dire considerato che questa è la prima partita dove Davide Nicola siede sulla panchina del Bari. Ma è anche la prima vittoria della squadra pugliese dopo le sconfitte consecutive. Ma buona la prima può essere riferito anche alla prestazione convincente dimostrata dal Bari solo nel primo tempo. Già, perché, dopo la rete di Galano al 32' del primo tempo, i "galletti" sono sembrati molto intimoriti di subire la rimonta degli avversari ed incassare l'ennesima sconfitta stagionale. Timori che hanno avuto gravi ripercussioni sul gioco addirittura anche dopo il raddoppio messo a segno su rigore al 22' da Caputo. Ed il gol dei trapanesi è arrivato al 37' con Mancosu (su rigore). Poi tanta paura e vedersi sfuggire da un istante all'altro il risultato. Fortunatamente è finita così ma quei momenti di paura il neo allenatore Nicola li ha notati e commentati. Per la cronaca va aggiunto che proprio sul finale, tra le proteste dei siciliani, sono state annullate ben due reti al Trapani dall'arbitro Aureliano. 

“Questa vittoria dimostra – dichiara mister Nicola - che abbiamo intrapreso la strada giusta. E' un primo risultato nella corsa ai nostri obiettivi. Dobbiamo stare tranquilli e lavorare molto perché questo gruppo ha delle enormi potenzialità. Nello stesso tempo dobbiamo avere molta umiltà. Per quanto riguarda il mio giudizio sulla partita dico che i primi venti minuti sono stati giocati molto bene e ho visto quello che avevo chiesto. Sul 2-1 abbiamo avuto paura quasi come se dovessimo, per forza, prendere gol. Non c’era scritto da nessuna parte che questo dovesse accadere. Dobbiamo essere più intensi nel gioco e rischiare di più. Oggi abbiamo fatto un piccolo passo in avanti ma, sia chiaro per tutti, c’è tanto da lavorare”.

Per le due reti annullate il tecnico trapanese Roberto Boscaglia afferma di non avere nulla da recriminare all'arbitro. “Io e lui abbiamo avuto carriere parallele: mi ha arbitrato in Eccellenza, in serie D e serie C. Lo stimo. E' un arbitro bravo e in buona fede. A fine partita ci siamo fermati a commentare le reti annullate e mi ha spiegato di aver sanzionato due falli. Avrà sbagliato qualcosa, ma non posso condannarlo". Aureliano ha annullato i gol a Terlizzi e Nadarevic. "Il rigore per il fallo di mano di Lo Bue – dichiara Boscaglia - si può dare o non dare. Aureliano ha fischiato e va bene così. Sono contento per la grande rincorsa della mia squadra, che sotto di due gol ha mostrato”.  (Giancarlo Vincitorio)

BARI (3-4-1-2): Donnarumma 6.5; Camporese 6, Contini 6.5, Ligi 6; Sabelli 6 (39'st Filippini sv), Romizi 6, Donati 6, Defendi 6 (34'st Stevanovic sv); Sciaudone 7; Galano 7 (47'st Minala sv), Caputo 6. In panchina: Guarna, De Luca, Stoian, Wolski, Sall, Gomelt. Allenatore: Nicola 6.5.
TRAPANI (4-4-2): Gomis 6; Lo Bue 5, Pagliarulo 5.5, Terlizzi 5.5, Rizzato 5.5; Basso 5 (32'st Barillà sv), Aramu 5.5 (18'st Falco 6.5), Feola 6 (44'st Citro sv), Nadarevic 5.5, Mancosu 6, Abate 5.5. In panchina: Marcone, Zampa, Caldara, Pistone, Martinelli, Lombardi. Allenatore: Boscaglia 5.5.
ARBITRO: Aureliano di Bologna 6.5.
RETI: 32'pt Galano, 22'st Caputo (rig), 37'st Mancosu (rig).
NOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 20.433 per un incasso di Euro 118.426,10. Ammoniti: Defendi, Lo Bue, Sciaudone, Barillà, Camporese. Angoli 8-3 per il Trapani.