Mer25052022

Ultimo aggiornamentoSab, 30 Apr 2022 1pm

Bari perde in casa contro il Vicenza

Bari-Vicenza 0-1

BARI (3-4-1-2): Guarna; Salviato, Rinaudo, Filippini; Sabelli, Romizi, Minala (77' Boateng), Defendi (46' Calderoni); Bellomo; Ebagua, Caputo (46' De Luca).
A disposizione: Donnarumma, Micai, Rada, Contini, Benedetti, Minicucci.
All.: Nicola.

VICENZA (4-3-3): Vigorito; Sampirisi, Brighenti, Manfredini, D’Elia; Cinelli, Di Gennaro, Moretti (89' Sbrissa); Laverone, Petagna (75' Cocco), Vita (60' Spinazzola).
A disposizione: Serraiocco, Camisa, Garcia Tena, Gentili, Alhassan, Mancini.
All.: Marino.

Arbitro: Leonardo Baracani.
Marcatori: 73' Petagna.
Ammoniti: Defendi, Rinaudo, Salviato, Sabelli (B), Cinelli, D'Elia, Brighenti, Petagna (V). 

Pura casualità: Enrico Guarna è tornato a difendere la porta del Bari (è la sua prima da titolare) proprio quando la propria squadra ha collezionato, putroppo, la dodicesima sconfitta stagionale. Bari punito un Vicenza che in questo modo ha portato a cinque le partite vincenti. Il rammarico di Guarna non è per l'andamento della partita ma per il fatto che – a suo parere – il Vicenza ha utilizzato bene una delle poche azioni d'attacco. “Abbiamo concesso una sola palla gol e loro ci hanno punti – afferma infatti Guarna”. Ma che ci sia qualcosa che assolutamente non va nel Bari lo conferma anche lui: “sicuramente è una situazione non facile da cui però dobbiamo uscirne subito innanzitutto cambiando il nostro atteggiamento mentale.”

E' vero che il Vicenza è stato fortunato mettendo a segno l'unica palla gol ma è altrettanto vero che il Bari non ha fatto neppure un tiro nella porta avversaria. Ci sono stati problemi evidenti sulla fascia destra del Bari e D'Elia riesce a scondare con facilità in più occasioni. Ci riesce anche al 73esimo quando, a conclusione della sua azione personale, crossa per il tiro vincente di testa di Petagna. E per il Bari è la seconda sconfitta consecutiva.

Ad essere molto arrabbiato per questo risultato penalizzante per il Bari è l'allenatore Davide Nicola: "non ho difficoltà a dichiarare che non sono contento. Questa non era una partita da perdere. E' mancata qualità davanti e solidità in difesa".

A favore del mister c'è da ricordare che la squadra, per questa sfida contro il Vicenza, è molto rimaneggiata a causa di infortuni e squalifiche. Vedremo se sabato contro il Lanciano il Bari tornerà a dimostrare carattere perché, altrimenti, la classifica risulterà troppo difficile. Ora è a 30 punti, ad un passo dalla zona playout.  Per la panchina di Nicola è la sesta sconfitta. Ciò che fa rabbia è che, almeno nella sconfitta scorsa con il Livorno, la squadra barese aveva dimostrato di voler combattere e di fare gioco mentre con il Vicenza è prevalso un atteggiamento assolutamente pigro e svogliato. Fare meglio non sarà difficile contro il Lanciano. (Maria Vincitorio)